Curiouzità sû dî travalh 'd la campannho - Curiosità agricole

Curiouzità sû dî travalh 'd la campannho Curiosità "agricole"

Nouz eicrìën eisì quèrc toc d'un'ëntërvisto faito a Zhërménnë Coustantin: "Uno vê. Coum vivìo la gënt dë notrâ bourjâ, coum î së nourìo, coum î travalhavo", publiâ sû la rivisto "Valados Usitanos" n.55, sett/dic. '96, dount un vé coum lou paî fouse talamënt dréit ën chèrtî post quë për aguê un chit bari da sapâ ëntavo fâ-lei sèt mur a la viroun:

Riportiamo alcuni stralci da un'intervista a Germana Costantino: "Una volta. Come viveva la gente delle nostre borgate, cosa mangiava, come lavorava", pubblicata su "Valados Usitanos" n.55, sett/dic. '96, nella quale si allude sia all'estremo frazionamento di alcuni appezzamenti agricoli, sia alla loro ripidità:

Sèt mûr e un bâri...

Lou terén coultivà a feizeual, pois ecc. èro pâ bién eitëndu, difatti la së dizìo: "Amount eiquì la lh' à sèt mûr e un bari"

Sapâ a l'ërbufoun...

L'èro pâ la coustummo da noû, a l'Ënvears, d' ërtournâ, dë butâ la tearo ënt la bënno, dal foun dal bari e dë pourtâ-lo a la simmo (sû la geubbo, la së capî). A l'Ënvears (ma la së saou, lh'ënvërsin ilh an sempre fait difrënt da lh'aoutri, sempre fait a l'ërbufoun), la së sapavo ooub lou bichar dë tréi pua e la së coumënsavo dë damount, alouro, un bot aprê l'aoutre, la tearo anavo amount sënso péno...

La bouzoulâ...

La së pouio pâ pënsâ dë battre lou froumënt sû la tearo "cruo", un aourio ërbâtà ënsèm bién dë tearo e dë jairillha. La së coumënsavo a asûliâ bén lou terén, peui la së preparavo la "bouzoulâ": ënt un tinél, uno bèllo prouvisto dë bouzo, bén mêclâ ooub d'aigo, dë maniaro d'avê uno pâto pâ trop mollo, quë sërvìo për "catramâ" l'airo...

Lî travalh 'dla donno...

L'ero illhe quë gouvërnavo e abeuravo lâ vaccha, quë pënsavo a mouze, a dounâ beure al vèel apéno naisù, a travalhâ lou lait. Difatti, apéno funì dë mouze, î pasavo ënt la "crotto dal lait" e coulavo lou lait ën dui ou tréi basin larc e pâ trop proufound, sëgount la cantità dë lait qu' ilh avìo da coulâ, a travears d'uno stofo raro, ma pâ trop, la reirolo. Eiqui lou lait îtavo da 24 a 36 oura për quë la së fëzesse la flour - la crammo-.

Al moumënt just, la donno pënsavo a eiflourâ: î culhìo la flour ooub la cassoulouiro e la vërsavo ënt un rechipiënt adat; l'ero "l'oulo dë la flour": Cant la lh'ero prou dë flour, l'ero lou moumënt dë fâ lou bur.
Ooub tanto pasiënso, î së butavo a "picâ lou bur", aprê qu' ilh avìo vërsà toutto la flour ënt al burìe. Carc vê a së fëzìo subìt, ma d'aoutrâ vê a nën voulìo pâ saoupê.
Apéno fait, lou bur së counsumavo frêc, ën famillho, ou puro â së gardavo për l'uvearn.
Për counsërva-lou, un lou fëzìo coire fin qu' â fouse bén tout foundou, quë al avese un bèl coulour maron ma pâ trop eicur, â së coulavo a travears d'uno pasouaro ënt un tupin vërnizà dëdint, "l'oulo dal bur"; eiqui â së gardavo boun bén a lounc.
Ooub lou lait la së fëzìo la toummo, lî toumin e lou brous, quë l'ero uno jouncâ bén eimichâ, bén pâtâ ooub dë sâl e dë peuoure; cant al avìo bén pilhà sâl e peuoure, d'unâ vê a vrio co grâ, alouro al ero propi boun da minjâ oou lâ triffa salâ. Cant la donno avìo funì dë fâ lou bur ou la toummo, ilh avìo ërchampà uno bouno cantità dë breu: l'ero lou "lait dal bur", ou la "cruo", qu'î tapavo pâ vio, ma quë li vrio a bén për gouvërnâ lou puarc, touarno un travalh quë touchavo a la donno...

(Zhërménnë Coustantin, uno magistro ën pansioun, naisùo al Sarét, uno bourjâ 'd l'Ënvears)

Sette muri e un campo...

Ogni appezzamento coltivato a fagioli, piselli ecc. non era molto esteso, infatti si diceva: "Su quel costone lassù ci sono sette muri e un campetto"

 Zappare 'al contrario'...

Da noi all'Inverso non si usava "ërtournâ", cioè mettere la terra nella gerla e portarla dal fondo del campicello fino in cima (sulla schiena, si capisce). All'Inverso (ma si sa, i suoi abitanti hanno sempre fatto diversamente dagli altri, sempre fatto al contrario), si zappava con la zappa a tre punte, a partire dalla sommità del campo, così, un colpo dopo l'altro la terra risaliva senza fatica...

La letamata..

Non si poteva pensare di battere il grano sulla terra "cruda", si sarebbero raccolti insieme al grano terra e sassolini. Si cominciava lisciando bene il terreno, poi si preparava la "bouzoulâ": in un tino, una bella provvista di letame di mucca, mescolato accuratamente con acqua, in modo da creare una impasto non troppo liquido, col quale si "incatramava" l'aia...

I lavori della donna...

Era lei che dava da mangiare alle mucche e le abbeverava, che si occupava di mungere, di dare da bere al vitello appena nato, di lavorare il latte. Infatti, appena terminata la mungitura, passava nella "cantina del latte", e lo colava in due o tre bacinelle larghe e poco profonde, a seconda della quantità che ne aveva, filtrandolo attraverso una tela a trama sottile ma non troppo, la stamigna. Il latte rimaneva in quelle bacinelle per 24-36 ore, affinché affiorasse la panna.

Al momento giusto, la massaia provvedeva alla scrematura: raccoglieva la panna con il mestolo scrematore e la metteva in un recipiente adatto, l' "olla della panna". Quando ce n'era a sufficienza, veniva il momento di fare il burro. Con molta pazienza (la donna) iniziava a "battere il burro", dopo aver travasato tutta la panna nella zangola. Capitava a volte che fosse subito pronto, ma altre volte non ne voleva sapere. Appena fatto, il burro si consumava fresco, in famiglia, oppure si conservava per l'inverno. Per conservarlo, lo si faceva cuocere finché fosse ben fuso, che avesse un bel colore marrone ma non troppo scuro, e lo si travasava, filtrandolo attraverso un colino, in un vaso di terracotta verniciato all'interno, "l'olla del burro"; lì si manteneva commestibile per parecchio tempo. Col latte si faceva il formaggio, i tomini e il "brous", una giuncata ben schiacciata e impastata con sale e pepe; quando se ne era ben impregnata, a volte era anche grassa, allora era proprio buona da mangiare con le patate lesse. Quando la massaia aveva finito di fare il burro o il formaggio, si ritrovava con una buona provvista di siero: era il "latte del burro", che non buttava, perché le tornava utile per nutrire il maiale, un altro lavoro che toccava alla donna ...

(Germana Costantino, insegnante in pensione, nata nella borgata Saretto di Inverso Pinasca)

 

Copyright © 2009 Sito istituzionale del Comune di Inverso Pinasca - TO -
Via I Maggio, 2 - 10060 Inverso Pinasca (TO) - P.I. 03048020014 - C.F. 85003150019